• 30 Giorni

xxv

NASCE
PALIODIBIENTINA.IT

Il primo vero sito (non ufficiale) del palio di Bientina

Vedi le statistiche aggiornate del primo evento di Bientina

 

Palio 2017
16 LUGLIO ORE 18

 

 

1993 / 2017
Storia

Contrade ed eventi

 

 

 



Iam victi vicimus



 

 



Semel in anno licet insanire

 

 

 



Gallo canente, spes redit



 

 

 

A pugnar invitti a vincer nati

 

 

 



??

 

 

 



??



 

 

 

Duc in Altum

 

 

 



??

 

 

 

 

Semper Invicti

 

Storia del palio di Bientina

Il Palio di Bientina, si diceva, è nato nell'anno 1983 per iniziativa della ASD Sextum Bientina, la squadra calcistica locale, che organizzò in quell'anno una sfida tra cavalli montati a sella ciascuno dei quali rappresentava un bar del paese, al fine di avvicinare la cittadinanza alla società sportiva e per finanziare la propria attività. Nei primi anni quindi la corsa fu disputata nel campo sportivo del paese, e la Sextum Bientina si occupava dell'organizzazione della gara e degli allora praticamente inesistenti appuntamenti collegati al Palio. Nel 1993 il territorio del paese fu suddiviso in 10 contrade (in seguito ridotte a 9) che ogni anno si contendevano la vittoria nella competizione. A partire da questa data l'organizzazione del Palio e delle manifestazioni ad esso connesse sono delegate al comune di Bientina che favorì la nascita del Seggio di San Valentino, istituzione che da allora sovraintende in autonomia a tutte le fasi organizzative e preparatorie della corsa. Il 2001 fu un altro anno di svolta per le sorti del Palio di Bientina, perché fu in quell'anno che grazie agli sforzi del Seggio di San Valentino e alla fattiva collaborazione dell'amministrazione, la corsa fu spostata dal locale campo sportivo alla piazza centrale di Bientina (piazza Vittorio Emanuele II), con conseguente aumento di spettacolarità ed interesse per gli appassionati e i bientinesi stessi. Sempre nel 2001, in coincidenza con lo spostamento del Palio in piazza Vittorio Emanuele, le contrade divennero 9 a causa della soppressione della contrada Vicinaia (comprendente le strade adiacenti a piazza Caduti di Piavola), dalle dimensioni e dalla demografia troppo ridotte per poter sostenere gli sforzi necessari all'organizzazione di un evento che anno dopo anno assumeva sempre più i contorni di un appuntamento varcante i confini regionali. Ad oggi (2014) il Palio di Bientina rappresenta una tra le manifestazioni più importanti nel novero delle corse "a pelo", per la centralità del paese (facilmente raggiungibile da ogni parte d'Italia), per il suo posizionamento nel calendario delle corse "alla tonda" o alla "lunga" (la terza domenica di luglio, tra i più celebri Palio di Provenzano e dell'Assunta a Siena), sia per la passione con il quale viene seguito dai bientinesi e dagli abitanti dei paesi vicini. Negli ultimi tempi la crescente fama del Palio di Bientina, la difficoltà del percorso in piazza e la vicinanza del calendario con le "carriere" senesi (probante cartina di tornasole per lo stato di forma dei cavalli e dei fantini), va trovando conferma nell'interesse che la corsa bientinese suscita nelle scuderie e gli allevamenti facenti parte attiva nel Palio di Siena, universalmente riconosciuto come la più celebre tra le corse di questo genere. Non è raro che i fantini ingaggiati per il Palio di Bientina siano spesso protagonisti anche a Siena, in piazza del Campo. Tra questi meritano una citazione Martin Ballesteros detto Pampero, Antonio Siri detto Amsicora, Massimo Columbu detto Veleno II (quest'ultimo noto più per le numerose scorrettezze - lecite o meno - che ne hanno fatto un nome appetibile su cui puntare nel caso si intenda impedire la vittoria del cencio ad un rivale, piuttosto che per il palmarès nelle corse "a pelo"), Valter Pusceddu detto Bighino ed altri ancora.

Origini

Le origini del Palio di Bientina sono in realtà molto più antiche di quanto si possa pensare, tanto che una prima testimonianza di una corsa tra cavalli può essere rintracciata nel libro di Fabrizio Franceschini e Fiippo Mori "Le ottave inedite di Pietro Frediani. Origine dei bientinesi e la sua festa del 1840 (Felici Editore)". A firma di tale Felice Rosaspina residente in Bientina, in data 25 maggio 1786 così ci si appellava alle autorità civili e militari della zona: "Ricorrendo nei prossimi futuri giorni di Pentecoste [che quell'anno sarebbe caduta il 4 giugno] la festa quinquennale di San Valentino Martire e desiderando il supplicante in tale occasione far correre un Palio con Cavalli e fantino sopra alla tonda sulla Piazza di Terra, Piazza ben grande, comoda e luogo solito per simil corsa, giacché altrove non vi è comodo di poter ciò eseguire.", consiglio di leggere questa testimonianza di una cittadina di Bientina nel 1786, mi rivolgo anche al seggio del Palio di Bientina di divulgare e indagare le origini del palio per tutta la popolazione di Bientina".

Fonte wikipedia


Inviaci una precisazione, una foto o un consiglio!





CHIUDI PANNELLO



 


Chiudi pannello e prosegui

CONTRADA CILECCHIO

La Nobile Contrada Cilecchio è la più grande contrada del paese, vantando 600 famiglie sul suo territorio che ricopre la maggior parte del comune bientinese. Il titolo di "Nobile" viene conferito intorno al 1200 agli abitanti della zona dominata dal fosso Cilecchio, poiché essi avevano il controllo delle acque del lago di Sesto o Sextum. Dato che la contrada è stata divisa nel territorio che già era cilecchio dall'antichità, fu scelto di appropriare la contrada del titolo "Nobile" concessogli in passato. Confina con le contrade di 4 strade, Viarella, Centro Storico, Puntone e Villaggio. I colori sono il bianco e il celeste e come simbolo ha la civetta. Il motto è "Semel in anno licet insanire" che significa "una volta l'anno è lecito impazzire". La contrada è gemellata con: Contrada Pievania di Buti, Contrada "La Torre" di Fucecchio, Contrada "Il Poggio" di Lugnano. Contrada nemica: Viarella" La nuova sede della contrada si trova in via Luigi Pirandello, presso l'ex asilo. La contrada Cilecchio ha vinto nelle edizioni corse al campo sportivo del 1996 con Massimo Coghe detto "Massimino" su Fellini e nel 1997 sempre con "Massimino" su Mel Gaynor. Dal 2001, da quando il palio si disputa in piazza, la contrada Cilecchio ha raccolto 3 secondi posti nel 2001 con Andrea Mari detto "Brio", nel 2003 con Maurizo Farnetani detto "Bucefalo" e nel 2009 con Massimo Columbu detto "Veleno II". Nel 2011 arriva il clamoroso "cappotto" con la vittoria della sfilata storica e del primo palio in piazza con Gianluca Mureddu detto "Filuferru" su Isopac Nel 1998 la contrada Cilecchio, per prima, formò il gruppo dei "Musici del Cilecchio", i tamburini di contrada. Visto il grande numero di ragazzi a seguito della contrada, nel 2006 è stato fondato il gruppo R.N. a richiamare le iniziali di Rapace Notturno. Nel 2011 nasce ufficialmente il gruppo degli "Sbandieratori di Contrada". Sempre dal 2011 la Contrada organizza il "Battesimo di Contrada", occasione nella quale i nuovi piccoli contradaioli ricevono un attestato di appartenenza alla contrada, oltre al fazzoletto rappresentativo. Ancora nel 2011 la Contrada è la prima ad istituire una "scuola" tamburini per i suoi piccoli contradaioli, iniziativa questa che anno dopo anno vede crescere i propri partecipanti.

Fonte wikipedia


Inviaci una precisazione, una foto o un consiglio!





CHIUDI PANNELLO



 


Chiudi pannello e prosegui

CONTRADA GUERRAZZI

Poche informazioni reperibili...inviateci una descrizione della vostra contrada, saremo felici di pubblicarla.

Fonte wikipedia


Inviaci una precisazione, una foto o un consiglio!





CHIUDI PANNELLO



 


Chiudi pannello e prosegui

CONTRADA QUATTRO STRADE

La contrada ha trionfato in 8 edizioni della Sfilata (record), l'ultima nel 2014, segnalandosi spesso per l'originalità dei temi affrontati e per la cura nei particolari delle rievocazioni storiche. È la sola contrada, insieme al Cilecchio, ad esser riuscita (nel '98) a vincere sia Palio che Sfilata nello stesso anno facendo il così detto, cappotto. L'associazione "Contrada Quattro Strade" dispone di un gruppo di tamburini e di una folta e partecipe rappresentanza preposta all'organizzazione delle attività ricreative ed aggreganti collegate alla vita dei contradaioli. Tra esse si segnalano la gara ciclistica amatoriale che nel maggio/giugno di ogni anno attira cicloturisti da tutta la Toscana e la "sagra della ficattola" (la pasta di pane fritta) che per ben due week end tra la fine di agosto e l'inizio del mese di settembre conta numerosi affezionati. La Contrada Quattro Strade è una delle più grandi di Bientina, situata sulle alture che portano alle colline delle Cerbaie, e domina tutto il piano bientinese. La sede della contrada dispone di un ampio giardino con attrezzature ludiche per bambini, un campo di calcetto dotato di spogliatoi ed illuminazione notturna, un bar e uno spazio dedicato ai numerosi eventi che animano la vita del rione specialmente nel periodo estivo. Le "Quattro Strade" in realtà costituiscono una vera e propria frazione separata dal capoluogo comunale dai due chilometri della "via del Monte", ed ha conosciuto negli ultimi anni un'espansione demografica notevolissima (si è passati dalle poche centinaia di persone del 1990 a quasi 2000 abitanti del 2014) Dal 2013 la contrada può contare sull'apporto di un nuovo consiglio direttivo formato per lo più da un gruppo di giovani appassionati di età compresa tra i 20 e i 30 anni (cui non mancano certamente i preziosi consigli e suggerimenti dei contradaioli più "navigati"). Questo rinnovamento generazionale ha infuso nuova linfa alle attività di contrada ed ha contribuito in maniera decisiva ad un riavvicinamento tra "Quattro Strade" e le altre contrade di Bientina.

Fonte wikipedia


Inviaci una precisazione, una foto o un consiglio!





CHIUDI PANNELLO



 


Chiudi pannello e prosegui

CONTRADA SANTA COLOMBA

Poche informazioni reperibili...inviateci una descrizione della vostra contrada, saremo felici di pubblicarla.

Fonte wikipedia


Inviaci una precisazione, una foto o un consiglio!





CHIUDI PANNELLO



 


Chiudi pannello e prosegui

CONTRADA VILLAGGIO

Si estende ampiamente nella parte sud di Bientina, ingrandita con l'annessione della contrada Vicinaia nel 2001. Monte dall'anno 2001: 2001: Maurizio Farnetani detto Bucefalo/ 2002: Giuseppe Zedde detto Gingillo/ 2003: Giuseppe Zedde detto Gingillo/ 2004: Luca Lombardi detto Schizzo/ 2005: Marco Pagliai/ 2006: Marco Pagliai/ 2007: Giusuè Carboni/ 2008: Francesco Conti/ 2009: Francesco Caria detto Tremendo/ 2010: Alberto Ricceri Salasso/ 2011: Alessandro Chiti Voragine. Confina con: Contrada Centro Storico, Contrada La Forra, Contrada Cilecchio, e Contrada Guerrazzi.

Fonte wikipedia


Inviaci una precisazione, una foto o un consiglio!





CHIUDI PANNELLO



 


Chiudi pannello e prosegui

CONTRADA VIARELLA

La contrada della Viarella è situata ai margini del centro cittadino: questo fa sì che confini con le contrade Centro Storico, Forra, Santa Colomba, Quattro Strade e Cilecchio. Stemma Contrada Viarella I suoi colori sono il giallo e il nero e il suo stemma è composto da una lupa e una Chiesa. L'edificio raffigurato rappresenta la chiesa di S.Pietro, un tempo situata in via S.Piero nella contrada stessa; in questa chiesa arrivò l'urna del patrono di Bientina S. Valentino Martire nella Pentecoste del 1699. Sempre dalla stessa chiesa, partì la solenne processione con il Santo stesso fino alla chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta in piazza Vittorio Emanuele II. Il motto della contrada è “ Duc in Altum” ( “Conducici in alto”). Il popolo della Viarella vanta molti contradaioli appassionati: dai bambini, ai giovani, fino agli anziani; infatti, è una della contrade più numerose del Palio di Bientina. Inoltre, questa notevole partecipazione si riscontra in particolare nelle varie iniziative promosse dalla contrada durante l'anno, senza contare le due sagre organizzate nei mesi di giugno e settembre. Per quanto riguarda i suoi successi, la prima vittoria è stata conquistata nel 1994 con Maurizio Farnetani, detto “Bucefalo”, su “La Fiorentina”; segue la vittoria nel 2002 sempre con Maurizio Farnetani su “Michittu” , nel 2009 con Valter Pusceddu detto “Bighino” su “Ilaria de Mores”, ifine, 2013 Valter Pusceddu detto "Bighino" su "Nadir de Mores"

Fonte wikipedia


Inviaci una precisazione, una foto o un consiglio!





CHIUDI PANNELLO



 


Chiudi pannello e prosegui

CONTRADA PUNTONE

Poche informazioni reperibili...inviateci una descrizione della vostra contrada, saremo felici di pubblicarla.

Fonte wikipedia


Inviaci una precisazione, una foto o un consiglio!





CHIUDI PANNELLO



 


Chiudi pannello e prosegui

CONTRADA FORRA

La contrada Forra è una delle contrade più grandi del Palio di Bientina; è situata per la sua quasi totalità nel centro cittadino e vede il suo territorio confinare con quello di: Viarella, Guerrazzi, Centro Storico e Villaggio. I suoi colori sono il giallo e il verde. Il simbolo della Contrada è il drago, e il motto è "Semper Invicti" (sempre imbattutti, mai sconfitti). A livello giovanile la contrada è molto attiva: conta infatti un gruppo di tamburini presente da 12 anni nel panorama di Bientina, e dal 2008 è riuscita a riattivare il gruppo degli sbandieratori. La prima vittoria al Palio arrivò nel 2001, con Gianluigi Mureddu su Afara; successivamente, nel 2003, il fantino Francesco Petrazzi e il cavallo Zed Sun conquistarono il cencio per la contrada, mentre l'ultima vittoria è datata 2016, dopo ben 13 anni di attesa, siglata dal fantino Valter Pusceddu su Miulan. Dopo la vittoria del 2003 l'accoppiata Scintilla - Afara si classificò seconda dietro a un grande Martin Ballesteros su Amoroso; nel 2005 e nel 2006, invece, la Forra subisce l'eliminazione in batteria, rispettivamente con le accoppiate Veleno II - Charles e Alessio Corda - Delizia de Ozieri. Nel 2007la contrada riesce finalmente ad accedere alla finale, con Massimo Donatini (detto Stoppa) su Grido di Gallura, i quali ottengono il quarto posto. Nel 2008 la contrada giallo-verde si affida ad Alessandro Franceschini in sella ad Ernesto Bello, i quali arrivano in finale (seppur col cavallo scosso), ma non ottengono la vittoria. Nel 2009 la contrada ripresenta Ernesto Bello, questa volta montato da Andrea Farris. La batteria è un "copia incolla" del 2008, con l'eccezione di non poter correre la finale, poiché Farris venne trasportato in ospedale. Nel 2010 è ancora Farris a difendere i colori giallo verdi, andando però ancora fuori in batteria. Nel 2011 e nel 2012 è l'argentino Ballesteros il fantino della Forra, il quale riesce ad accedere alla finale in entrambi i pali, ma senza successo. Nel 2013 la contrada chiama Antonio Siri, e nel 2014 Valter Pusceddu, ma entrambi non riescono a conquistare il titolo tanto ambito.

Fonte wikipedia


Inviaci una precisazione, una foto o un consiglio!





CHIUDI PANNELLO



 


Chiudi pannello e prosegui

 

Albo d'oro Fantini

Il podio dei più vincenti ed i rispettivi highlights

 

 

 



Massimino II
Wikipedia

 

 

 



Pampero
Wikipedia



 

 



---
Wikipedia



 

 



Bighino
Wikipedia



 

 



---
Wikipedia



 

 



Amsicora
Wikipedia



 

Albo d'oro Cavalli

Il podio dei più titolati dal 1993 ad oggi

 

 

 



Massimino II
Wikipedia

 

 

 



Pampero
Wikipedia



 

 



---
Wikipedia



 

 

paliodibientina.it © 2016 è un progetto indipendente, e non ufficiale, di una manifestazione pubblica, pertanto ogni immagine presente sul portale, appartiene al legittimo proprietario. Alcune immagini potrebbero essere state estrapolate dalle pagine pubbliche delle contrade. Per Qualsiasi chiarimento, o controversia.scrivere quiCercheremo di rispondere al più presto.

FONTI PRINCIPALI:
Wikipedia - Testate giornalistiche accreditate - Youtube

Designed & Developed

Gallery Forra.

Finale Palio 2015

1
2
3
4
Gallery cilecchio.

Finale palio 2015

1
2
3
4
Gallery Guerrazzi.

Descrzione terza immagine

1
2
3
4
Gallery Quattro strade.

Descrzione quarta immagine

1
2
3
4
Gallery Santa Colomba

Descrzione quinta immagine

1
2
3
4
Gallery Villaggio

Descrzione quinta immagine

1
2
3
4
Gallery Viarella

Descrzione quinta immagine

1
2
3
4
Gallery Puntone

Descrzione quinta immagine

1
2
3
4
Gallery Centro Storico

Descrzione quinta immagine

1
2
3
4
EVENTI FORRA.

• CENA DELLA VIGILIA
Sabato 16 luglio dalle ore 20:00 alle ore 0:00

1
2
3
4
EVENTI CILECCHIO.

• CENA DELLA VIGILIA
Sabato 16 luglio dalle ore 20:00 alle ore 0:00

1
2
3
4
EVENTI GUERRAZZI.

• CENA DELLA VIGILIA
Sabato 16 luglio dalle ore 20:00 alle ore 0:00

1
2
3
4
EVENTI QUATTRO STRADE.

• CENA DELLA VIGILIA
Sabato 16 luglio dalle ore 20:00 alle ore 0:00

1
2
3
4
EVENTI SANTA COLOMBA.

• CENA DELLA VIGILIA
Sabato 16 luglio dalle ore 20:00 alle ore 0:00

1
2
3
4
EVENTI VILLAGGIO.

• CENA DELLA VIGILIA
Sabato 16 luglio dalle ore 20:00 alle ore 0:00

1
2
3
4
EVENTI VIARELLA.

• CENA DELLA VIGILIA
Sabato 16 luglio dalle ore 20:00 alle ore 0:00

1
2
3
4
EVENTI PUNTONE.

• CENA DELLA VIGILIA
Sabato 16 luglio dalle ore 20:00 alle ore 0:00

1
2
3
4
EVENTI CENTRO STORICO.

•CENA DELLA VIGILIA
Sabato 16 luglio dalle ore 20:00 alle ore 0:00
Invitiamo tutti i contradaioli alla tradizionale Cena della Vigilia del Palio, nella fanastica cornice della nostra Piazzetta!
Menù /*Da definire*/
Offerta alla Contrada €20
Per info e prenotazioni: Alessandro 328 1745239 Walter 339 1516422

1
2
3
4